Autoguarigione attraverso il Lavoro di Byron Katie

L’autoguarigione attraverso il “lavoro” di Byron Katie è una forma di consapevolezza attraverso l’indagine dei propri pensieri. Non è la malattia fisica, il disagio psicologico, il problema relazionale o qualsiasi squilibrio della nostra vita che ci porta sofferenza, ma il pensiero che abbiamo di come dovrebbero andare le cose: “é vero”? Questa è la domanda che ci propone Byron Katie, è vero che le cose dovrebbero andare in un altro modo? Andiamo a conoscere meglio questa donna e il suo strumento di autoguarigione.

Chi è Byron Katie

Byron Katie, all’età di circa trent’anni, cadde in una profonda depressione, che le portò anche pensieri suicidi. Si fece ricoverare in una clinica, dove un giorno, mentre era per terra, poiché come dice: non si sentiva degna neanche di stare sul letto; nel 1986, fece un’esperienza interiore che cambiò totalmente la sua vita, lei la chiama “risveglio alla realtà”.  Dalle sue parole: Scoprii che quando credevo ai miei pensieri soffrivo, e quando non ci credevo non soffrivo, e che questo è vero per ogni essere umano. La libertà è proprio così semplice. Ho scoperto che la sofferenza è facoltativa. Ho trovato in me stessa una gioia che non mi ha più abbandonato, neppure per un secondo. Quella gioia è in ognuno di noi, sempre. Si rese conto che la sua depressione non veniva dalla vita che viveva, ma dalle convinzioni di come credeva dovesse essere, così incominciò ad indagare le sue credenze e accolse la realtà per ciò che era, questo le portò uno stato di gioia e libertà. Quando uscì dalla clinica, tutti si accorsero del suo profondo cambiamento e si sparse la voce. Molta gente andò a trovarla per chiederle consigli e da lì cominciò il “lavoro”, una semplice tecnica di autoconsapevolezza attraverso la quale chiunque può imparare a risalire alle radici della propria sofferenza ed eliminarla

Il Lavoro 

Byron Katie afferma che questo metodo di autoguarigione o autoindagine si è formato con sé stessa in quel 1986, le persone a cui poi lo propose, dichiararono che aveva modificato le loro esistenze, così successivamente, le venne chiesto di divulgarlo. Byron Katie ha portato il Lavoro in tutto il mondo, in ospedali, chiese, scuole, aziende…

autoguarigione Byron Katie

Come si fa il Lavoro di Byron Katie

Il primo passo del Lavoro si fa scrivendo i pensieri stressanti riguardo a qualunque persona o situazione della tua vita (passata, presente o futura), che ti fa soffrire in qualche modo, che ti fa emergere sentimenti di rabbia, paura, fastidio ecc. Scrivi i pensieri che hai riguardo alla persona o alla situazione in modo sincero. Katie consiglia di cominciare il Lavoro partendo da qualche persona della nostra vita che non abbiamo perdonato o che non abbiamo perdonato del tutto, poiché scrivere giudizi su un’altra persona ti dà modo di esprimerti più sinceramente senza censurarti.

Esempio di foglio di Lavoro

Pensiero stressante: “Mio marito non mi ascolta”

Le quattro domande

  1. È vero?
  2. Posso sapere con assoluta certezza che è vero?
  3. Come reagisco quando credo a questo pensiero?
  4. Chi sarei senza questo pensiero?

Applica ognuna di queste domande, una alla volta, al pensiero stressante, dopo che ti sei fatto la domanda, chiudi gli occhi e rimani in silenzio lasciando che la risposta giunga dal tuo profondo. Dopo aver ricevuto le risposte rigira il pensiero, trovando gli opposti dell’affermazione che hai scritto, per esempio: “Mio marito non mi ascolta” – Rigiro: “Io non ascolto me stesso”, oppure, “Io non ascolto mio marito”, “Mio marito mi ascolta”. Cerca almeno tre rigiri e poi tre esempi di questi, delle esperienze in cui il rigiro è vero. Indagando i tuoi pensieri stressanti comprenderai che tutto ciò che ti ha turbato di una situazione è solo un’incomprensione, capisci che ciò a cui credi non è necessariamente vero, questo è l’inizio della libertà, della guarigione.

Rilassa Mente
Rilassa Mente
Acquistalo su SorgenteNatura.it
Per approfondire l’argomento:

Libri di Byron Katie:

 

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.