Carla Fracci – Storia della danza

Una delle danzatrici più amate in Italia e nel mondo , Carla Fracci, prima ballerina in numerose compagnie, ha riscosso talmente un grande successo nell’interpretazione del repertorio romantico, da essere paragonata alla Taglioni.

Carla Fracci

crla fracci danza storia

  • Nata a Milano il 20 agosto del 1936
  • Studia presso la scuola di balletto della Scala dove si diploma nel 1954 subito dopo entra nella compagnia del Balletto della Scala diventandone prima ballerina e solista
  • Prima ballerina dell’Amer Ballet Theatre e di numerose altre compagnie
  • Sposata con il regista Beppe Menegatti che ha allestito per lei numerosi balletti in collaborazione con Loris Gai tra i quali: Il Gabbiano (1968), Machbeth (1969), Il fiore di pietra (1973),
  • Nel 1969 ha interpretato il ruolo di Giselle nella versione cinematografica con l’Amer Ballet Theatre e nel 1992 quello della regina Isabella in Cristoforo Colombo, con la coreografia di A. Mendez

  • 1989 Direttore artistico del Teatro San Carlo di Napoli
  • Il film Serata con Carla Fracci ha vinto la Rosa d’oro a Montreaux nel 1973
  • Premio Positano
  • Partecipa a varie trasmissioni televisive e alcuni film, in particolare la si ricorda creatrice del personaggio di Giuseppina Strepponi
  • Tamara Karsavina nel film Nijinsky di Herbert Ross
  • Tra gli ultimi spettacoli con la regia di Menegatti : Nijinsky, Memoria di giovinezza, 1989, Napoli Teatro San Carlo, Cocteau- Opium, 1989, Napoli Teatro Mercadante; Eleonora Duse, Isadora Duncan, adieu et au revoir, 1990

  • In tutto il mondo Carla Fracci ha interpretato innumerevoli volte il suo alato cavallo di battaglia, la prediletta Giselle e persino il celebre Bolero di Béjart (1977) accanto a partner favolosi  come Bruhn, New York 1968; Vassilev, Opera di Roma 1972; Nureyev, Scala 1973; Bortoluzzi, Arena di Verona 1974; Baryshnikov, Teatro Comunale di Firenze 1975 e tanti altri
  • Attiva in tutto il mondo, a Cuba (1974), invitata da Alicia Alonso al Bolscioi di Mosca (1986), ripetutamente in Giappone, a New York, a Londra e a Parigi per Roland Petit che l’amava molto
  • Interpreta classici e  nuove creazioni citiamo Medea di Barber-Butler 1975, La figlia di loiro di Hazon Gai 1976; Mirandolina di Galuppi Rodrigues 1981; Il Vespro siciliano di Verdi 1990
  • La Fracci non ha trascurato di affrontare ruoli delle eroine del passato trasferiti in una dimensione moderna
  • Tra le ultime interpretazioni, Tatiana in Onegin di Tchaikovsky – Cranko (1993), l’ebrea Etty Hillesum, deportata in un campo di concentramento di Das Marienleben (la vita di Maria , musiche di Hindemith, coreografie di G. Paoluzi, Teatro della Pegola, Firenze; Hagar in Pillar of fire di Schoenberg Tudor, Scala 1994.

Bibliografia

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: