Meditazione per lo Sciamanesimo e secondo Castaneda

Lo sciamano è una figura ancestrale, mediatore tra il visibile e l’invisibile, rappresenta l’incontro tra il mondo magico e quello religioso. Testimonianza del mondo sciamanico ci è stata donata da Carlos Castaneda, antropologo americano iniziato dagli sciamani messicani. La meditazione, nel contesto sciamanico è rivolta  soprattutto a entrare nello stato di trance più che nello stato naturale dell’Essere. In un luogo non luogo in cui i sensi si acuiscono e si percepiscono visioni, intuizioni per la trasformazione del sogno che si chiama realtà.

La meditazione nel mondo sciamanico

Riti sciamanici esistono in molteplici culture e religioni che spesso usano gli stessi oggetti, come dice Mircea Eliade: “queste sono rivalutazioni di antichi motivi sciamanici, integrati in un sistema di teologia ascetica dove il loro contenuto ha subito una radicale modificazione”.

Nel mondo sciamanico la ricerca è più come l’entrata in una dimensione intermedia, più che una ricerca di sé stessi e della Realtà, come nelle culture che usano la meditazione. La guarigione spirituale è ricercata attraverso gli spiriti della natura, non dell’Assoluto.

Nella maggioranza dei casi, gli sciamani usano sostanze psicotrope, canti, riti, danze, visioni, invocazioni, offerte, elementi naturali, miti cosmogonici e la possessione da parte di uno spirito, per entrare in uno stato di trascendenza o di estasi sacra.

Spesso lo sciamano, prima di diventare tale, passa attraverso una “malattia sciamanica”, cioè entra in uno stato di crisi fisica e/o psicologica che lo introduce, quasi in modo forzato, in una meditazione, in uno stato di fermo, dopo il quale, generalmente con l’aiuto degli sciamani più anziani, diviene egli stesso sciamano e guarisce.  Qui la meditazione è una discesa in quel mondo intermedio, fatto di sogni, visioni ecc.

La meditazione secondo Castaneda

Carlos Castaneda è un antropologo americano che ha vissuto un lungo percorso di iniziazione e conoscenza presso gli sciamani messicani e che ha dato una grossa testimonianza del mondo sciamanico trasmesso attraverso numerosi libri. Nella sua esperienza, sembrano confluire oltre alle conoscenze del mondo sciamanico messicano, anche conoscenze derivanti da tecniche meditative orientali.

Prima meta del suo percorso è spezzare la visione ordinaria della realtà per poi penetrare in un mondo di forze occulte che di volta in volta, lo ostacoleranno o lo aiuteranno nel cammino verso la liberazione. Questo è svolto attraverso due tecniche: la ricerca del silenzio interiore e il sogno lucido.

Libri consigliati

         

 

Please follow and like us:
error0
fb-share-icon
Tweet 20
fb-share-icon20

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *